Le banche centrali ospiteranno le criptovalute?

Le banche centrali abbracceranno le criptovalute

✔️ Informazioni riviste e aggiornate a luglio 2024 da Eduardo López

L'arrivo delle criptovalute nell'ambiente globale è stato un duro colpo alla realtà per le banche tradizionali che consideravano il denaro comune come padrone e signore. Oggi possiamo vedere che non è così poiché le criptovalute come Bitcoin hanno guadagnato una grande popolarità.

Questo ci porta a chiederci se le banche centrali, ad un certo punto, saranno pronte ad entrare nel mondo delle criptovalute. Ebbene, qui cercheremo di svelare questo mistero da uno studio realizzato dalla Banca di San Luis, una delle banche regionali che compongono la Federal Reserve degli Stati Uniti.

Lo studio

Come vi abbiamo già detto, è stata la Federal Reserve Bank di San Luis, una delle banche regionali della Federal Reserve, a occuparsi di questa indagine. Il suo scopo era determinare quanto le banche fossero preparate ad abbracciare le criptovalute.

I ricercatori incaricati hanno studiato a fondo sia la struttura e le politiche bancarie e di mercato per determinare se una banca centrale potrebbe avere la propria criptovaluta. Ciò li ha portati a conclusioni molto interessanti su come la criptovaluta potrebbe cambiare l'intero gioco attuale del denaro e il suo utilizzo.

Le banche centrali sono pronte?

La struttura della banca è stata la prima cosa che è stata notata nel determinare quanto le banche centrali fossero preparate ad abbracciare una criptovaluta. Secondo lo studio, le banche hanno diverse classificazioni valutarie in cui distribuiscono attività come denaro e oro.

Inoltre, utilizzano diversi parametri che consentono loro di valutare ogni asset o concetto al fine di determinare meglio in quale categoria collocarlo. Il ritrovamento, ha rivelato che le banche non hanno né parametri né una categoria in cui possa rientrare una criptovaluta.

Infatti, È stato scoperto che le valute virtuali sono molto difficili da analizzare con il metodo convenzionale, poiché non si adattano o si comportano nel modo che tutti conosciamo.Ciò rende molto difficile classificare una criptovaluta in una banca centrale poiché costringe alla creazione di un modello totalmente nuovo per il suo studio.

sedute

Caratteristiche che ne complicano l'utilizzo per le Banche Centrali

Secondo lo studio, sono 3 le caratteristiche delle criptovalute che mettono sotto scacco le banche:

  • Proprietà: È sufficiente avere tra le mani un lingotto d'oro o alcune banconote per verificare di essere il proprietario di detto bene. Con le criptovalute, non c'è nulla di fisico a supporto del possesso della valuta.
  • Supporto: Il denaro tradizionale è supportato da un altro asset a basso deprezzamento come l'oro, d'altra parte, le criptovalute non hanno quel tipo di supporto, il che crea un conflitto quando si imposta il loro valore.
  • liquidità: Infine, le criptovalute non funzionano allo stesso modo del denaro convenzionale quindi, se si richiede liquidità, non possono più essere stampati, né possono essere ritirati dalla circolazione.

In che modo le banche centrali classificano le criptovalute?

In realtà, non c'è modo di classificarli, dal momento che questi Hanno natura diversa rispetto al denaro fiduciario, ai titoli di credito, al debito, all'oro e anche all'argento. Ecco perché le criptovalute sono così uniche da richiedere una propria classificazione.

Le loro caratteristiche, il modo in cui operano, l'uso della tecnologia Blockchain per sostenere le operazioni e persino la loro volatilità rendono le criptovalute un oggetto separato. Le banche centrali hanno cercato di creare modelli che ne consentano lo studio, ma la sua stessa natura lo rende difficile.

Banche centrali e criptovalute?

È diventato evidente che le banche centrali di vari paesi hanno messo gli occhi sul mondo delle criptovalute. Un esempio perfetto è Cryberyuan, la valuta virtuale creata dalla Central Bank of China che sta per arrivare sul mercato, a dimostrazione dell'interesse che i paesi di tutto il mondo nutrono per le criptovalute per il loro potenziale valore di mercato, e anche per il loro ruolo strategico. Come la Cina, altri paesi stanno prendendo in considerazione l'inclusione delle criptovalute nella loro strategia monetaria.

Secondo i ricercatori, il fatto che una banca centrale voglia avventurarsi in quest'area è senza dubbio una cattiva idea. Questo per due motivi, il primo è che Una banca centrale, per natura, esercita il controllo e la centralizzazione delle attività mentre le valute virtuali operano in modo decentralizzato.

La reputazione delle banche centrali e il loro controllo sulle politiche monetarie e finanziarie va contro di loro. In secondo luogo, Il costo dello sviluppo di una criptovaluta può essere molto elevato considerando la grande quantità di tecnologie e risorse hardware necessarie per avere una valuta virtuale attiva e funzionante.

sedute

Cosa sta arrivando per il futuro?

Una cosa è chiara le valute virtuali sono state una risposta del mercato ai nuovi bisogni e stili di vita. Inoltre, sono una chiara indicazione che i mercati stanno iniziando a stancarsi del controllo esercitato da grandi istituti bancari e banche centrali, motivo per cui è quasi scontato che le criptovalute continueranno a crescere, sia in uso che in valore e popolarità . Ci saranno sempre più utenti Bitcoin, così come più criptovalute disponibili per le persone che inizieranno a migrare dal denaro tradizionale al cosiddetto denaro del futuro.

A sua volta, Questa inerzia porterà le banche centrali ad agire sulla questione, in primo luogo, conducendo studi approfonditi sulle criptovalute per generare informazioni sufficienti. In seguito, è probabile che assisteremo alla sua incursione nelle criptovalute, lanciando il proprio token o generando controllo e regolamenti.

Per il momento, Il primo passo è già stato fatto per le banche centrali per iniziare a considerare le criptovalute come un'opportunità di investimento con il Cyberyuan. Quindi è probabile che, nei prossimi anni, o addirittura mesi, vedremo molte più notizie del genere, soprattutto se consideriamo che ora anche le aziende puntano sulle loro criptovalute.

Eduardo Lopez

Editore e copywriter

Sono Eduardo López Martínez, sono nato a Madrid, in Spagna e ho 48 anni. Sono un giornalista e faccio parte del team di Brokersdeforexconfiables.com. Vuoi sapere qualcosa in più su di me? Vi invito a leggere la mia biografia.

Vedi le pubblicazioni di Eduardo López

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *